Antipattern della catena logistica: il livello di servizio del 100%

Antipattern: il mito del livello di servizio del 100%


Home » Knowledgebase » Qui
di Joannes Vermorel, Giugno 2015

Perché accontentarsi di fare bene quando si può puntare alla perfezione?

Categoria: gestione aziendale

*"Quando ho detto che dovevamo raggiungere un livello di servizio del 100%, non intendevo sul serio..."

Ottenere un livello di servizio del 100% (o, in altre parole, una percentuale di rotture di stock o ritardi pari allo 0%) è una chimera che, purtroppo, molte aziende tentano ancora di inseguire. Da un punto di vista puramente matematico, dato che la domanda futura è incerta e illimitata, raggiungere un livello di servizio garantito del 100% richiederebbe un magazzino dalle scorte infinite: il che, ovviamente, è fuori discussione.

Sostanzialmente, l'ottimizzazione delle scorte consiste nel trovare un compromesso tra il costo delle scorte a magazzino e il costo delle rotture di stock. Indipendentemente dal metodo di previsione utilizzato, il risultato sarà sempre lo stesso: solo un magazzino dalle scorte infinite può garantire matematicamente che non si verifichino rotture di stock.

In situazioni come questa, è importante assegnare un prezzo alle rotture di stock (anche molto alto, se ha senso dal punto di vista aziendale) e iniziare a cercare un equilibrio tra i costi. Una quantità maggiore di scorte implica un ritorno economico minore: di conseguenza, per ottimizzare il ritorno sull'investimento, bilanciare i costi è essenziale, ma non è con un livello di servizio del 100% che si può riuscire in questo intento.